"E l'Eterno mi rispose e disse:
'Scrivi la visione, incidila su delle tavole,
perché si possa leggere speditamente'". Abacuc 2:2

#021 - Il servo del centurione - Matteo 8:5-13

Entrando Gesù nella città di Cafarnao, un centurione romano ‒ un comandante delle truppe romane che avevano invaso la Giudea ‒ va ad incontrarlo per chiedergli un favore. Ciò, all’epoca, sarebbe come se un comandante nazista chiedesse un favore a un francese, durante la seconda guerra mondiale, mentre la Francia fosse ancora occupata dalla Germania.

La prontezza di Gesù a soddisfare questa richiesta dimostra quanto lui sia al di sopra di qualsiasi ideologia politica. Molto sangue è stato versato nei duemila anni di storia della cristianità, da cristiani che hanno voluto conquistare il potere politico in questo mondo. Gesù non si oppone a Cesare, l’invasore romano. Non è venuto a conquistare un territorio, ma a salvare le persone. Il nemico non è l’imperatore romano, il nemico è il potere delle tenebre, Satana.

Il favore richiestogli dal centurione romano era la guarigione del suo servo. “Io verrò”, gli dice Gesù (Matteo 8:7). La reazione del centurione, però, lo sorprende. Innanzitutto lui dice che non era degno che Gesù entrasse sotto il suo tetto. Se ti consideri degno di ricevere la visita di Gesù, ancora non hai capito chi sia lui.

Spesso le religioni insegnano che Dio potrà fare qualcosa per te soltanto se tu farai qualcosa per lui. Hai mai sentito cose del tipo: “Vuoi che Dio entri nella tua vita? Allora devi smettere di peccare, devi cercare di essere una persona migliore, devi abbandonare i tuoi vizi, e poi Dio entrerà nella tua vita”. Beh, questo sarebbe come chiamare il muratore solo dopo aver finito di fare la ristrutturazione!

Se, per prima cosa, il centurione avesse cercato di rendere la sua casa degna di ricevere Gesù, il suo servo sarebbe morto. Nessuno è degno di ricevere Gesù nella condizione in cui si trova. È lui che deve farci la “ristrutturazione”; è lui che inizia guarendo questo paralitico gravemente tormentato che abita in te. Tutti noi siamo peccatori, paralitici e incapaci di fare qualsiasi mossa per la nostra salvezza. Proprio come il centurione e il suo servo.

Il comandante romano riconosce il potere e l’autorità della parola di Gesù, essendo lui stesso la Parola di Dio. Basterebbe che Gesù dicesse soltanto una parola e il suo servo sarebbe guarito. Lui riconosce Gesù come Signore, come qualcuno che ha potere e autorità.

Nemmeno tra i giudei Gesù aveva incontrato così grande fede. Dopo secoli di privilegi, conoscendo l’unico e vero Dio, molti giudei erano condannati alle tenebre dalla loro incredulità. Gesù dice: “Io vi dico in verità che in nessuno, in Israele, ho trovato cotanta fede” (Matteo 8:10). E, forse, oggi lui direbbe, parlandoci di un pagano, “non ho trovato nella cristianità nessuno con tale fede”?

E, in quella stessa ora, il servo del centurione è guarito. E appunto, allo stesso momento, quando credi in Gesù come il tuo Signore e il tuo Salvatore, sei salvato. Immediatamente. Non è un processo, non è un’evoluzione, è un miracolo. Tu sei perdonato da tutti i tuoi peccati, libero dalla condanna, e sei pronto a entrare in cielo.

Se, però, chi crede è pronto per entrare in cielo, perché non è immediatamente portato lì? Quale sarebbe, allora, la ragione di essere lasciato in questo mondo di sofferenze e di dolori? Perché... beh, questo sarà l’argomento dei prossimi 3 minuti.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

Popular Posts