"E l'Eterno mi rispose e disse:
'Scrivi la visione, incidila su delle tavole,
perché si possa leggere speditamente'". Abacuc 2:2

#022 - Salvato per servire - Matteo 8:14-16

Non ottieni la salvezza tramite qualche tipo d’evoluzione spirituale, come alcune persone vogliono credere. Ricordati che l’idea di base della teoria dell’evoluzione è quella della sopravvivenza del più adatto, del più forte. In altre parole, secondo gli evoluzionisti, siamo arrivati al punto in cui siamo soltanto perché il più forte ha mangiato il più debole, ed ha prevalso.

Non c’è niente di più contrario all’essenza del Vangelo. Questo annuncia che il più forte, il Figlio di Dio, si è fatto debole, si è fatto carne, si è fatto servo e si è lasciato mettere in una croce dalle sue stesse creature. Dopo aver raggiunto il livello più basso che un essere umano possa arrivare ‒ la morte ‒ Dio l’ha risuscitato e l’ha esaltato al di sopra di tutti i cieli.

Gesù, quindi, rappresenta quello che Dio fa ai peggiori, e non ai migliori. L’apostolo Paolo spiega, nella sua Prima Lettera ai Corinzi, che Dio non ha scelto i più adatti, i più forti, o i più intelligenti. Dio ha scelto di salvare la spazzatura di questo mondo, gli stolti, i deboli, i perdenti, i peccatori, i malati dell’anima. Così, tutta la gloria della salvezza si dà a Dio, e non ai salvati.

Insomma, questa è l’essenza della grazia. Dio prende l’inutile e l’incapace e li salva. Ma li salva da che cosa? Dal peccato. Ma li salva per che cosa? La storia della guarigione della suocera di Pietro ci dà la risposta.

Prostrata sul letto, con la febbre, la suocera di Pietro non poteva far nulla per se stessa, per Gesù o per la sua famiglia. Gesù arriva, la tocca e la guarisce. Ciò che succede subito dopo è degno di nota: “Ella si alzò e si mise a servirlo” (Matteo 8:15).

Ecco la risposta. Siamo salvati per servire, e non il contrario. La religione umana ti dice che devi servire, devi lavorare e sforzarti per ricevere la guarigione della tua anima, il perdono dei tuoi peccati. La Bibbia ci insegna che non possiamo fare altro oltre a lasciare che Gesù ci tocchi e ci faccia uscire dallo stato di prostrazione in cui il peccato ci ha messi.

Matteo, poi, continua dicendoci che, venuta la sera, molti indemoniati e malati sono stati portati a Gesù, e li ha guariti tutti. In tal modo ha adempiuto quel che è stato detto dal profeta Isaia: “Egli stesso ha preso le nostre infermità, ed ha portato le nostre malattie” (Matteo 8:17). Qualche tempo dopo, sul legno della croce, lui avrebbe portato i nostri peccati nel suo corpo, e lì sarebbe stato castigato per ognuno di loro.

Ora, credendo in Gesù come il tuo Salvatore, sei guarito dai tuoi peccati, purificato e preparato per il cielo. Allora, perché continui ancora qui?  Per servire e per seguire Gesù. Per servire da testimone agli uomini e agli angeli di ciò che Dio può fare ai peccatori perduti come me e come te.
Ma, come si segue Gesù? La risposta è nei prossimi 3 minuti.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

Popular Posts