"E l'Eterno mi rispose e disse:
'Scrivi la visione, incidila su delle tavole,
perché si possa leggere speditamente'". Abacuc 2:2

#154 - Guardando dalla parte sbagliata - Giovanni 5:1-9

Ora Gesù va a Gerusalemme e visita una vasca chiamata Betesda, intorno alla quale c’è una gran folla di malati. Queste persone erano lì in attesa di vedere un movimento dell’acqua fatto da un angelo, e “il primo che vi entrava, dopo che l’acqua era agitata, era guarito da qualsiasi malattia fosse affetto.” (Giovanni 5:4).


Sebbene alcuni manoscritti non riportino il versetto 4, che ci parla di quest’angelo, il fatto raccontato è perfettamente in linea con la dispensazione vigente per Israele, quando gli angeli facevano l’intermediazione tra Dio e gli uomini. Ed è stato attraverso gli angeli che la Legge è stata data a Mosè, la quale richiedeva che l’uomo fosse tenuto a fare qualcosa da se stesso casomai volesse essere benedetto, come ad esempio, appunto, l’essere capace di vedere quando l’acqua si agitasse e così tuffarsi nella vasca.


Con così tanti ciechi, zoppi e paralitici lì sdraiati, è difficile immaginare come qualcuno potesse riuscire a entrare in tempo nella vasca per poter sfruttare l’effetto guaritore del movimento di quell’acqua. D’altronde, i ciechi non potevano nemmeno vedere l’acqua che si muoveva, e gli zoppi e i paralitici non erano abbastanza agili da poter compiere queste azioni. Dal punto di vista spirituale, tutte quelle persone si trovavano nella stessa condizione: erano incapaci di fare qualcosa per salvarsi.


Ed è questo anche lo scenario attuale: c’è un mucchio di gente in attesa di un segnale visibile per poi eseguire un qualche tipo di azione e così liberarsi dei propri problemi. Quello di cui le persone non si rendono conto è che i problemi sono solo la conseguenza di un problema maggiore: la nostra condizione di peccatori perduti. Forse alcuni lì avrebbero addirittura preferito solo provare a vedere l’angelo prima che l’acqua si muovesse; e pure oggigiorno non mancano persone che preferiscono occuparsi di angeli.


Il vero problema di questi infermi è che stanno guardando nella direzione sbagliata, sperando che la loro salvezza provenga da qualche angelo, da un segno visibile, o dai propri sforzi. L’unico, però, che può salvarli è lì proprio in mezzo a loro, ma purtroppo nessuno volge lo sguardo verso di lui. Così è ogni essere umano. Nella lettera ai Romani 3:11 c’è scritto che “non c’è nessuno che cerchi Dio”, nemmeno uno.


Perciò l’iniziativa parte da Gesù, che non solo riesce a vedere che quest’uomo è malato, ma sa benissimo che è in questo stato da trentotto anni. Gli chiede allora se vuole essere guarito, tuttavia il povero uomo è così preoccupato dei suoi limiti che spiega a Gesù che non ha nessuno che lo metta nella vasca quando l’acqua si muove. Ma chi ha mai parlato di vasche?


Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina” (Giovanni 5:8), gli dice Gesù. Il risultato è lo stesso di ogni altra volta in cui la parola del Signore è bastata affinché i ciechi vedessero, i muti parlassero e i morti resuscitassero.


Se desideri essere guarito dai tuoi peccati e avere la vita eterna, perché continui a guardare te stesso o chiunque altro oltre a Gesù? Non sto parlando di una religione ma di una persona. La religione vuole che tu rimanga attaccato al lettuccio delle incertezze, poiché di questo vive. Infatti, sai da dove verrà il primo rimprovero ricevuto da quest’uomo dopo esser stato guarito? Sì, dalla religione. Questo è quanto vedremo nei prossimi 3 minuti.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

Popular Posts