#300 – “Ho visto il Signore!” – Giovanni 20:17-18

Maria Maddalena è sorpresa. Di fronte a Gesù, risuscitato, il suo desiderio è che lui rimanga per sempre sulla terra con i discepoli. Sì, come nei bei tempi, quando camminava accanto a loro insegnandoli, sfamandoli e guarendo la folla. Lei vorrebbe che tutto ciò non finisse mai: vuole tenerselo stretto. Eppure, il Signore l’avverte: “Non trattenermi, perché non sono ancora salito al Padre” (Giovanni 20:17).


I discepoli non avrebbero più avuto la compagnia fisica di Gesù in questo mondo, giacché aveva bisogno di ritornare al Padre. Quando è morto, il suo spirito ha fatto ritorno a Dio, compiendo così la promessa che aveva fatto al malfattore morto sulla croce: “Oggi tu sarai con me in paradiso” (Luca 23:43). Ma la sua opera non sarebbe terminata senza la risurrezione, ed è proprio questo il vangelo completo di cui ci parla Paolo:


Ora, fratelli, vi dichiaro l'evangelo che vi ho annunziato… mediante il quale siete salvati, se ritenete fermamente quella parola che vi ho annunziato… cioè che Cristo è morto per i nostri peccati secondo le Scritture, che fu sepolto e risuscitò il terzo giorno secondo le Scritture” (1 Corinzi 15:1-4).


Qualsiasi ‘buona novella’ che non includa la morte di Gesù per i nostri peccati e la sua risurrezione per la nostra giustificazione, non è il vero vangelo, il quale è “la potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede” (Romani 1:16). “Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo” (Giovanni 12:24). Tuttavia, lui è morto e ora la casa del Padre sarà piena (Luca 14:23). Infatti, dopo aver completato la sua opera di redenzione, Gesù ha posto nella sua stessa presente posizione, cioè dinanzi al Padre, coloro che vengono salvati da lui.


Se credi in Gesù, è questa l’opera che ti permetterà di presentarti di fronte a Dio purificato, rigenerato e adottato come figlio, e non i tuoi sforzi, la tua carità o la tua costanza. Ti troverai nella stessa posizione occupata da Gesù in questo preciso momento: davanti al Padre. Ti rendi conto? Dio ti guarda come se stesse guardando Gesù: puro, perfetto e immacolato. E non ti vergogni di aver provato a entrare in tale ‘banchetto’ che Dio ti ha preparato portandoti dietro un misero panino ripieno di religione, buone opere e perseveranza?


Il messaggio che il Signore trasmette a Maria Maddalena ci mostra la realtà di questa nuova posizione ricevuta per grazia, e non per merito: “Va' dai miei fratelli e di' loro che io salgo al Padre mio e Padre vostro, al Dio mio e Dio vostro.” (Giovanni 20:17). Prima erano stati chiamati servi e amici. Ora, però, li chiama fratelli: hanno ricevuto il posto di figli di Dio e coeredi con Cristo. Se hai già creduto in Gesù, se sei già sicuro del perdono dei tuoi peccati e della vita eterna, allora adesso puoi chiamare Dio "Padre". Solo adesso.


E Maria Maddalena è andata subito a raccontare ogni cosa agli altri discepoli, a cominciare dalla notizia mozzafiato: “Ho visto il Signore!”. E lo vedranno anche loro, ma solo nei prossimi 3 minuti.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

#299 – Quale Gesù cerchi? – Giovanni 20:11-16

Mentre Pietro e Giovanni tornano a casa, Maria Maddalena rimane lì davanti al sepolcro vuoto. A differenza di Giovanni, lei non ha ancora capito che Gesù è risorto di tra i morti (Filippesi 3:11). Il suo cuore era tuttora afflitto e angosciato, come quello di ogni persona che comprende che la morte è inevitabile, però non gode della certezza della risurrezione e della vita eterna.


Allora decide di spiare all’interno della tomba anche lei, e così vede due angeli vestiti di bianco, seduti nel luogo dove prima c’era il corpo di Gesù. E le chiedono: “Donna, perché piangi?”, e subito lei risponde loro: “Perché hanno portato via il mio Signore, e io non so dove l’abbiano posto.” (Giovanni 20:13). Maria non si rende conto che si trova di fronte a degli angeli, e non c’è modo di saperlo, infatti. Dopotutto, nella Bibbia, gli unici esseri angelici che appaiono con le ali sono i cherubini e i serafini, due classi speciali di angeli. Gli altri sono sempre stati visti in forma umana, parlando la lingua degli uomini, e non quella degli angeli.


Poi, Maria nota che qualcuno si avvicina, ripetendo costui la medesima domanda fattale dagli angeli: “Donna, perché piangi?”, e aggiungendoci: “Chi cerchi?”. Lei, pensando che fosse l'ortolano, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io lo prenderò».(Giovanni 20:15). Già, non aveva ancora realizzato che stava parlando con Gesù stesso, risuscitato. “Maria!”, le dice, chiamandola per nome.


Sì, soltanto a quel punto lo riconosce. Il modo singolare con cui il Signore la chiama per nome risveglia immediatamente in lei una valanga di emozioni. “Rabboni!” esclama in aramaico, che significa “Maestro”. Beh, non ci vorrà molto tempo perché si accorga che Gesù non è solo il “Maestro” conosciuto da lei e dagli altri. Presto capirà che è il Salvatore, l’Emmanuele, il Figlio di Dio venuto in carne (1 Giovanni 4:3).


E tu, sei forse come Maria, la quale non riconosce Gesù? Cerchi un uomo morto, quando invece vive? O può darsi che tu stia provando a trovare solamente un Gesù che moltiplica i pani, senza comprendere davvero che non è venuto qui per sfamarci ma per portare via i peccati. Oppure sei in cerca di un Gesù guaritore, che ti garantisca qualche anno in più di vita mediocre in questo mondo? Il vero Gesù vuole darti la vita eterna!


O chissà, magari vorresti soltanto un Gesù talismano, per liberarti dai pericoli, dal malocchio e dalla stregoneria. Scherzi, vero? La Parola di Dio assicura a chi crede in Gesù che “né morte né vita né angeli né principati né potenze né cose presenti né cose future, né altezze né profondità, né alcun'altra creatura potrà separarci dall'amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore. (Romani 8:38-39).


Maria cercava un Gesù “Maestro”. E molti la pensano così, credendo che sarà tramite l’apprendimento che si raggiungerà il cielo, ed essendo la salvezza un incessante processo di evoluzione del proprio spirito. Nei prossimi 3 minuti ti vergognerai di aver mai pensato di riuscire a salvarti attraverso i tuoi sforzi, affinché diventassi una persona migliore.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

#298 – Il primo – Giovanni 20:3-10

Pietro e Giovanni vengono colti di sorpresa. Maria Maddalena, angosciata e ansimante, arriva dal sepolcro di Gesù dando loro la notizia: il corpo è scomparso. La grande pietra era stata rimossa e la tomba era vuota! Allora tutti e due gli apostoli corrono a scoprire cosa sia successo.


Giovanni è il primo ad arrivare, però non entra nella grotta scavata nella roccia. Sbircia dentro, notando i panni di lino che erano stati arrotolati intorno al corpo di Gesù. Poi arriva Pietro, entra, riconosce le bende e pure il fazzoletto che era stato messo sul volto del Signore. Contrariamente a quanto narra la leggenda della Sacra Sindone, il suo corpo era stato sepolto avvolto in fasce di lino, secondo l’usanza del tempo.


Qualche capitolo prima abbiamo visto la storia della risurrezione di Lazzaro, quando Gesù “gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Allora il morto uscì, con le mani e i piedi legati con fasce e con la faccia avvolta in un asciugatoio. Gesù disse loro: «Scioglietelo e lasciatelo andare».” (Giovanni 11:43-44).


Lazzaro, con le mani e i piedi legati da queste bende fatte di tessuto, non era stato capace di liberarsene, anche dopo essere tornato in vita. Aveva avuto bisogno dell’aiuto di altre persone. Se Gesù fosse stato risuscitato allo stesso modo di Lazzaro, chi l’avrebbe mai aiutato a sciogliere tali fasce? A meno che la risurrezione di Gesù non sia stata diversa. E così è stato.


Lazzaro è risuscitato, tuttavia morirebbe di nuovo più avanti. Il suo corpo era lo stesso, solo che guarito e rianimato, ma ancora soggetto a malattie, morte e degenerazione. “Ma ora Cristo è risuscitato da' morti; egli è stato fatto le primizie” della nuova creazione, prototipo di coloro che attendono la risurrezione in un corpo di carne ed ossa, però celeste (1 Corinzi 15:20). Un corpo differente.


E talmente distinto che riusciva ad uscire da quel groviglio di panni di lino senza srotolarli né strapparli. Un corpo così sorprendente al punto da comparire in mezzo ai discepoli in una stanza con porte e finestre chiuse. Eppure, allo stesso tempo così reale che davanti a loro ha mangiato del pesce e del miele. Non era un corpo etereo, uno spirito o un fantasma. Era Gesù stesso, corpo, anima e spirito.


Dopo che Pietro era già dentro al sepolcro, ci entra anche Giovanni, e qui si legge che “vide e credette”(Giovanni 20:8). Cioè? A cosa ha creduto? Lì non c’era niente o nessuno in cui credere, a parte una tomba vuota e dei panni di stoffa! Appunto. Giovanni ha creduto nell’invisibile, ed è dell’invisibile che si occupa la fede. Crediamo in qualcuno che non possiamo vedere, in Gesù, il quale è morto per la nostra salvezza ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione (Romani 4:25).


Ora Giovanni comprende passaggi come il Salmo 16: “Perciò il mio cuore si rallegra, e la mia lingua festeggia; anzi pur la mia carne abiterà in sicurtà. Perciocché tu non lascerai l'anima mia nel sepolcro, e non permetterai che il tuo Santo senta la corruzione della fossa.” (Salmo 16:9-10). Quante volte Gesù aveva parlato della sua morte e resurrezione, non essendo capito dai discepoli? Quante volte hai ascoltato la stessa storia e non l’hai ancora capita?


Nei prossimi 3 minuti Maria Maddalena sente qualcuno che la chiama per nome.

Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

#297 – Maria di Magdala – Giovanni 20:1-2

È l’alba del primo giorno della settimana e Maria Maddalena è già davanti al sepolcro. La morte di Gesù le ha lasciato un’impressione amara, così come alle altre donne che, ai piedi della croce, avevano seguito tutto quanto era accaduto. Gesù è morto, e con lui muoiono le speranze di un futuro luminoso per Israele.


Lei ci arriva mentre è ancora buio. Il Vangelo di Luca menziona anche altre donne dirette al sepolcro in quel giorno; tuttavia, l’evangelista Giovanni nomina solo Maria Maddalena. Forse perché è giunta per prima, oppure perché il racconto è in linea con il carattere di questo Vangelo di Giovanni.


Giovanni è il discepolo amato, quello che aveva l’intimità necessaria per appoggiarsi sul petto di Gesù. Infatti, in questo vangelo, il Signore viene mostrato come il Dio accessibile all’uomo, come colui che è uscito dalla gloria per salvare il peccatore. “Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Figlio, che è nel seno del Padre, è colui che lo ha fatto conoscere.” (Giovanni 1:18).


Intorno a millecinquecento anni prima Mosè era salito sul monte Sinai, che fumava come una gigantesca fornace, per incontrare Dio e per ricevere le tavole della Legge. E, in quell’occasione, chiunque avesse toccato tale monte sarebbe stato messo a morte. La terra tremava forte e una fitta nuvola scendeva sul luogo. Mentre tuoni e lampi squarciavano il cielo, un suono assordante terrorizzava il popolo d’Israele, il quale aspettava nella pianura.


Ed è stato in questo scenario terrificante che Dio ha presentato al popolo lo standard che loro non avrebbero mai raggiunto. “Noi faremo tutto ciò che l'Eterno ha detto” (Esodo 19:8), avevano risposto tutti, nel loro orgoglio e arroganza di cuore. Per circa millecinquecento anni gli ebrei hanno fatto finta di osservare i comandamenti di Dio, i quali servivano soltanto a evidenziare che erano al di fuori degli standard divini. Non che la Legge di Dio sia cattiva, no, anzi, essa è perfetta. Il problema sta nell’uomo.


Ma tutto è cambiato con la venuta del Salvatore: “Poiché la legge è stata data per mezzo di Mosè, ma la grazia e la verità sono venute per mezzo di Gesù Cristo.” (Giovanni 1:17). Grazia e verità sono i tratti distintivi della presente dispensazione (Efesini 3:2). In Gesù, Dio si lascia toccare. Colui che è divino al 100%, è pure diventato Uomo al 100%. Due nature in uno stesso Essere: il mistero dell’incarnazione.


Maria Maddalena, però, ancora non lo sa. Per lei Gesù è il Messia promesso, colui che avrebbe riportato in Israele la gloria del regno di Salomone, inaugurando un’era di pace e prosperità. Invece, in quel momento, il suo Signore è morto, trovandosi in un sepolcro, sigillato e chiuso da una grossa pietra. Ma, aspetta! La pietra non è più al suo posto! Qualcuno ha violato la sua tomba! Allora lei corre incontro a Pietro e a Giovanni, lanciando l’allarme: “Hanno tolto il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'abbiano messo.” (Giovanni 20:2).


Nei prossimi 3 minuti incontrerai la prima persona che crederà senza vedere.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

#296 – Il fine carriera – Giovanni 19:38-42

Il capitolo 19 del Vangelo di Giovanni si conclude con la fine della carriera di tre persone: Gesù, Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo. Gesù termina qua la sua carriera, avendo compiuto l’opera che il Padre gli aveva affidato, ossia di morire come un sacrificio al posto del peccatore. Ma ben presto sarebbe stato risuscitato, salendo poi al cielo, dove permane fino ad oggi.


Durante il processo e la morte di Gesù, gli apostoli hanno evitato qualunque associazione con il condannato. Pietro, in effetti, ha addirittura negato di conoscerlo. Eppure, sarà in questi momenti che vedremo uscire di scena coloro che si vantavano della propria fedeltà, ed apparire al loro posto le persone più improbabili. È quanto accade a questi due uomini: Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo.


Tutti e due avevano una carriera di successo come uomini pubblici e membri del sinedrio, cioè il potere legislativo d’Israele. Erano quelli che oggigiorno chiameremmo senatori; inoltre, Nicodemo apparteneva alla setta dei farisei, i capi religiosi che perseguitavano Gesù.


Prima Nicodemo compare nel capitolo 3 di questo vangelo, parlando con Gesù di notte, come se temesse di essere visto in sua compagnia. Nel capitolo 7 diventa un po’ più audace, difendendo Gesù davanti agli altri senatori e farisei. E adesso lo incontriamo con Giuseppe d’Arimatea, mentre chiede a Pilato di liberare il corpo di Gesù. Chi altro potrebbe farlo? I pescatori Pietro, Giacomo e Giovanni? No, Pilato non avrebbe mai ricevuto, in sua presenza, qualcuno che non fosse del suo livello sociale. Sì, Dio li aveva preparati per questa occasione.


Entrambi erano stati segretamente discepoli di Gesù, è vero, però questo finisce qui. D’ora in poi tutti sapranno che loro sono così dediti a Gesù da non avere più nessuna importanza il fatto di dover seppellire la propria carriera insieme a tale cadavere. E infatti, in seguito, saranno respinti e perseguitati tanto quanto qualsiasi altro cristiano.


Giuseppe gli offre la sua propria tomba. Nicodemo gli porta più di trenta chili di unguenti aromatici. E congiuntamente i due uomini li applicano sul corpo di Gesù, mentre lo avvolgono in panni di lino. La Legge dei giudei considerava immondi coloro che si prendevano cura dei cadaveri; tuttavia, Giuseppe e Nicodemo non badano affatto a questo.


Così pure l’apostolo Paolo, un altro nobile fariseo, un giorno aveva detto addio alla sua carriera, considerando come spazzatura l’intero suo bagaglio sociale e culturale quando l’ha paragonato al privilegio di conoscere Cristo (Filippesi 3). Ora, in cielo, Paolo, Giuseppe e Nicodemo non hanno dubbi: ne è valsa la pena assumere pubblicamente la loro fede in Gesù. Il mondo non era degno di tali uomini e continua ad essere indegno di tutti quelli che prendono posizione per Gesù, a volte a costo della carriera, della famiglia e degli amici, o anche di una relazione affettiva.


Come compito a casa, prova a leggere il capitolo 11 della lettera agli Ebrei, per conoscere alcuni dei milioni di esseri umani che hanno fatto lo stesso, prima ancora che Gesù venisse al mondo. E nei prossimi 3 minuti Maria Maddalena avrà una sorpresa.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

#295 – Un Dio propizio – Levitico 16

La tua nuova vita comincia con l’acqua: l’acqua della Parola di Dio. Così è successo, in figura, anche alla festa di nozze a Cana di Galilea, quando Gesù ha ordinato ai servi di riempire d’acqua, fino all’orlo, le giare di pietra. Poi ha trasformato l’acqua in vino. In effetti, vediamo che prima arriva la Parola, in seguito la vita e la gioia.


Tutti coloro che sono stati salvati da Cristo, di ogni epoca, un giorno sapranno che la loro salvezza è stata possibile solo grazie al sangue e all’acqua che sono usciti dal costato ferito di Gesù. Il loro valore e la loro efficacia sono eterni, e soddisfano le sante esigenze di Dio, tanto per quelli che sono vissuti prima quanto dopo la croce. Nell’Antico Testamento Dio aveva già segnalato che la salvezza sarebbe avvenuta proprio così: attraverso il sangue e l’acqua.


Se leggerai il capitolo 8 di Levitico, vedrai che la consacrazione dei sacerdoti cominciava con l’acqua della purificazione, con cui erano lavati. Soltanto dopo c’era il sangue del sacrificio. Acqua e sangue, rappresentando rispettivamente la Parola di Dio, la quale purifica, e il sangue di Cristo, il quale ci permette di avvicinarci a Dio.


Infatti, in Levitico 16, si confermerà questo medesimo ordine: acqua e poi sangue per il sacrificio. Innanzitutto, il sacerdote doveva lavarsi il corpo nell’acqua, prima ancora di indossare le sue vesti di lino. Quindi, un torello era offerto come sacrificio per fare la propiziazione per il sacerdote stesso e per la sua famiglia.


Per comprendere il termine “propiziazione” in modo semplice, dovresti pensare a questa parola come se Dio fosse propizio, cioè favorevole nei tuoi confronti, permettendoti di entrare alla sua presenza senza essere consumato, poiché qualcuno ha già dato la propria vita al posto tuo. E quando troverai il vocabolo “espiazione”, potrai collegarlo all’espressione “capro espiatorio”, che popolarmente viene intesa come qualcuno che si prende la colpa ed è punito in sostituzione del colpevole. Infine, la parola “cospargere” significa, in essenza, “spruzzare” un liquido, in questo caso del sangue con le dita.


Perciò, in tale capitolo, compaiono due capri: l’uno che serve da espiazione per il peccato, e l’altro da capro emissario. L’uno era ucciso, l’altro rilasciato nel deserto. Ma prima di liberarlo, il sacerdote posava le sue mani sulla testa del capro e confessava i suoi peccati e quelli del popolo. Allora, finalmente, il capro era cacciato nel deserto per portare via i peccati.


Te ne sei accorto che questi sacrifici prefiguravano il sacrificio di Cristo, compiuto un’unica volta per togliere i peccati? Gesù è morto sia per assumere la nostra colpa, sia per portare via i nostri peccati, perché non fossero mai più riportati indietro. Il sangue del giovenco morto veniva portato all’interno del tabernacolo e lì cosparso o spruzzato sul coperchio dell’arca dell’alleanza. E come si chiamava questo coperchio? Sì, propiziatorio. Il sangue veniva messo davanti a Dio affinché si ricordasse di essere propizio al peccatore, giacché qualcuno aveva già dato la vita al suo posto.


Dopo aver saputo che Dio aveva già indicato un sostituto per te molto tempo fa, ossia Gesù, come osi voler meritare la tua salvezza con le buone opere o con i tuoi sacrifici? Davvero non l’hai ancora capito?


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

Popular Posts