"E l'Eterno mi rispose e disse:
'Scrivi la visione, incidila su delle tavole,
perché si possa leggere speditamente'". Abacuc 2:2

#048 - Il seminatore - Matteo 13:18-23

La prima parabola del capitolo 13 del Vangelo di Matteo ci parla del seminatore, il quale è Gesù, del seme che è la sua Parola, e dei diversi tipi di suolo, ossia, delle diverse persone che vi entrano in contatto. Quale tipo di suolo, fra questi, sei tu?

La prima parte dei semi cade lungo la strada, su un terreno continuamente calpestato dalle persone. Se ti consideri un comune cittadino, influenzato dalle statistiche e guidato dall’opinione pubblica, questo tipo di terreno sei tu. È il suolo umanistico, che adora l’uomo e non il suo Creatore. La Parola di Dio non trova posto in questo tipo di terreno e subito i semi vengono portati via dagli uccelli, che qui rappresentano Satana.

Un’altra parte dei semi cade nei luoghi rocciosi, con abbastanza terra da farli germogliare, ma non sufficientemente profonda da farli creare radici. E ben presto tutto è bruciato dal sole. Questo suolo ci descrive il tipo di persona che riceve la Parola con euforia, ma senza la convinzione di essere un peccatore, come se fosse una delle tante tecniche di autoaiuto che esistono. Qualsiasi avversità o persecuzione porrà fine a questa festa. Gesù non ci ha mai promesso una vita facile, e basta guardare quella che lui e i suoi discepoli avevano per capire che il cristianesimo non significa, appunto, essere guarito da tutte le malattie, guidare un’auto potente o essere il candidato più votato alle prossime elezioni.

I semi che cadono tra le spine non possono crescere perché sono soffocati dalle preoccupazioni mondane e dall’inganno delle ricchezze. Se hai deciso di andare a Gesù per risolvere i tuoi problemi personali, o per salvarti da una bancarotta patrimoniale, oppure solo per comparire al prossimo elenco di miliardari, dubito veramente che, con così tante spine che ti afferreranno, sarai in grado di far progressi nelle cose di Dio.

Una parte dei semi, però, è caduta nella terra fertile, germoglia e cresce, dando il cento, il sessanta, il trenta per uno. Nonostante i risultati siano diversi da persona a persona, Dio provvederà affinché tutti diano qualche frutto, anche il più sconosciuto dei suoi figli. Ricordati che per ogni cristiano famoso che abbia già causato un grande impatto in questo mondo, c’è un cristiano anonimo che vuole farti conoscere Gesù.

Tre sono le cose che impediscono al seme di fruttificare: il diavolo, che lo porta via lungo la strada; la nostra natura carnale, scoraggiata e indebolita dalle tribolazioni; e il mondo, con le sue attrattive che ci afferrano come fanno le spine. Quale tipo di suolo troverà in te il Vangelo?

Mentre ci pensi, ascolta la parabola delle zizzanie e del grano, nei prossimi 3 minuti.


Mario Persona - (Tradotto da Cristina Fioretti)

Popular Posts